PREGHIERA ALLA MADONNA DELLA FIDUCIA

6353

La Madonna della Fiducia

O Maria, Madre di Dio e Madre Della Chiesa,
a te affidiamo la nostra vita,
noi siamo tuoi figli
e nelle tue mani poniamo la nostra vocazione.

A te, Vergine di Nazareth,
offiramo umilmente il nostro desiderio
di seguire Gesù nella via dell’amore
con fedeltà e perseveranza,
affinché possiamo sevirlo
con cuore indivisio e generoso.

Guidaci sempre con
il tuo amore di Madre,
sostienici nella debolezza,
confermaci nella speranza,
accresci in noi la fiducia in Dio,
l’amore a Cristo e la fedeltà alla Chiesa.
O Maria, Madre e fiducia nostra!

Mater mea, Fiducia mea!

Ave Maria…

LA MADONNA DELLA FIDUCIA

Il culto dell’immagine, oggi chiamata “Madonna della Fiducia”, viene ordinariamente attribuito alla venerabile Suor Chiara Isabella Fornari.

Ella nacque a Roma il 25 giugno 1697 ed emise i voti solenni presso il monastero delle clarisse di S. Francesco di Todi il 16 luglio 1713; fu principalmente un’anima mistica: ebbe numerosissime visioni ed estasi, la partecipazione alla passione del Signore ed anche le stimmate, che però non furono visibili.

Nutriva una devozione particolare verso le immagini sacre: amava tenerle presso di sè, pregare innanzi ad esse e qualche volta si compiaceva di plasmarle lei stessa con le sue mani. Alcune di queste immagini si sparsero qua e là, specialmente per mezzo dei confessori della Venerabile, tra i quali il Padre Gesuita Giammaria Crivelli.

Costui, quando si ritirò a Tivoli, portò con sè la copia dell’immagine ricevuta dalla Fornari e ne diffuse la devozione, incontrando grande successo. Così a Tivoli nel 1743 si tennero solenni celebrazioni, durante le quali il quadro originale della Madonna, da lei stessa definito “Rifugio dei peccatori”, attraversò processionalmente la città e al termine trovò collocazione stabile nella chiesa di S. Sinforosa, detta “Chiesa del Gesù”, che nel 1944 fu distrutta dal bombardamento alleato; ed in quella tragica circostanza si perse anche l’immagine.

Il quadro originale, che si conserva nel monastero di S. Francesco a Todi, è identico alla copia che si trova nel Seminario Romano Maggiore; ambedue hanno oggi il titolo di “Madonna della Fiducia” e da esse forse dipendono tutte o la maggior parte delle copie.
Quando il Seminario Romano fu trasferito nella sede provvisoria di S. Apollinare, anche l’immagine ne seguì la sorte; anzi, nel 1838 la “Madonna della Fiducia” fu solennemente incoronata da Gregorio XVI. Nel 1913 l’immagine, insieme con il Seminario Romano, fu di nuovo trasferita al Laterano, dove è ancora oggetto di grande venerazione