Preghiera di ogni Sabato a Maria

8574

“La luce del giorno odierno è stato il giorno del riposo di colui che ha creato ogni cosa.

Così ha trovato riposo in Maria mentre in questa via proprio di Lui La Vergine diventa dimora.

Allora sono state fatte tutte le creature mentre Dio oggi compie la creazione della natura.

Allora ha completato tutto quando nella madre colui che ci ha creato ha compiuto l’opera della grazia.

Giorno finalmente benedetto questo settimo giorno fu anche detto santo.

Quanto tu possa esser detta benedetta, sappiamo, o Vergine singolare, e quanto tu sia santissima.

Mentre tu passi al giorno gioioso, lasciando quello della terra questo è il giorno di mezzo.

Questo giorno ci libera dalle pene fa da mediatore, e ci conduce alla gioia suprema.

In questo giorno mentre perdeva la speranza il gregge che allora era timoroso mantiene più fermamente la fede.

In questo giorno quelli che sospirano e che pregano vengono sicuramente ascoltati.

Inno scritto da Humberto De Romanis (Tredicesimo secolo)

Humbertus De Romanis

Frate Umberto di Romans (Romans-sur-Isère, 1200 circa – Valence, 14 luglio 1277) è stato un religioso francese, quinto Maestro Generale dell’ordine dei predicatori (dal 1254 al 1263), e successore di Santo Domenico.

Egli entrò nell’ordine il 30 novembre 1224. Fu lettore di teologia a Lione fra il 1236 ed il 1239 e fu fatto priore dell’intera provincia francese nel 1240.

L’anno successivo la maggioranza dei cardinali riuniti in conclave avrebbe voluto eleggerlo Papa, ma, a causa delle resistenze della curia romana e della famiglia Orsini, la sua candidatura cadde.

Nel 1254 divenne Maestro Generale dell’Ordine Domenicano. Sotto la sua guida venne riorganizzato l’Ecclesiasticum Officium, che esercitava il controllo liturgico all’interno dell’ordine.

Egli inoltre, su esortazione di Gregorio X, scrisse l’Opus Tripartitum.

Tale documento difendeva la riforma della chiesa e la filosofia delle crociate, descriveva il rapporto tra la chiesa e gli arabi e le cause e gli effetti dello Scisma d’Oriente, sosteneva il ristabilimento dell’unità cristiana e la promozione della missione; esso era inoltre un manuale per l’interpretazione dei miracoli e della letteratura favolistica. Durante il Medio Evo, lo studio di questo lavoro era obbligatorio per i Domenicani.

Inno a Maria. Le ragioni di venerare Maria nel Sabato.

1 – Dio si riposa il sabato (Gn 2, 2-3) in Maria (strofa 7-8).

2 – Dio compie la sua opera il sabato (Gn 2, 2-3) in Maria (strofa 9-10).

3 – Dio benedice il sabato più degli altri giorni (Gn 2, 2-3) e benedice Maria fra tutte le donne (strofa 11-12).

4 – Come il sabato è il giorno medium tra il venerdì (doloroso) e la domenica (gioiosa), senza attraversare il quale non si può passare dalla pena alla gloria, così Maria è mediatrice tra noi e Cristo (strofa 13-14).

5 – Nel sabato santo solo Maria ha avuto una fede salda (strofa 15).

6 – Maria aiuta la liberazione delle anima del purgatorio (strofa 16).